LIRICHE PER UN ANNO

UN NUOVO APPUNTAMENTO CON LA POESIA

Di mese in mese la voce di poeti di epoche, paesi e lingue diverse ci verrà incontro per intrattenerci in un dialogo rivolto a tutte le componenti della scuola.

GIUGNO Marin,"Ninte no xe passao"

 

 

 

Ninte no xe passao

Ninte no xe passao
e duto vive e xe presente;
un sielo solo levante e ponente,
un solo sol m’ha iluminao.

I primi vogi che m’ha inamorao
xe quii che ’desso rìe,
e infinite restìe
basa dì e note el lio de Grao.

 Ogni geri xe incùo
ansi xe adesso,
ogni vento xe el messo
de Dio, nel sielo de velùo.

 E ninte mai more
nel mondo:
un solo, ma fondo
xe ’l corso de l’ore.

 La mutassion origina el canto;
no ’vê paura de sparî;
dura un atimo el dì
ma xe eterno l’incanto.

 

Biagio Marin, Grado, 1891-1985.
Da El vento de lEterno se fa teso, Milano, 1974.

 

Niente è passato

Niente è passato
e tutto vive ed è presente;
un cielo solo levante e ponente,
un solo sole m’ha illuminato.

I primi occhi che m’hanno innamorato
sono quelli che adesso ridono,
e infinite onde
baciano giorno e notte il lido di Grado.

Ogni ieri è oggi,
anzi è adesso,
ogni vento è il messo
di Dio, nel cielo di velluto.

E nulla mai muore
nel mondo:
uno solo, ma fondo,
è il corso delle ore.

La mutazione origina il canto;
non aver paura di sparire;
dura un attimo il giorno,
ma è eterno l'incanto.

 
 

LIRICHE PER UN ANNO - Presentazione

 

LIRICHE PUBBLICATE

OTTOBRE – Borges, I Giusti 

NOVEMBRE – Hugo, Domani, all'alba ...

NOVEMBRE – Leopardi,  Imitazione

DICEMBRE – Rilke,  Avvento

GENNAIO - Dickinson, La "speranza" è...

27 GENNAIO, GIORNATA DELLA MEMORIA - Levi, Il superstite

 
 
 
 

 

Rubrica a cura della prof.ssa Elena Trevisan

 

 

Ultimo aggiornamento: 07/06/2021 - Articolo visualizzato 1746 volte

Questo sito utilizza cookie tecnici, proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo di tali cookie.

Dettaglicookies